29/03 Very Special Guest dj DANIELE BALDELLI! @ KORONA Discoteca

Sabato 29 Marzo 2013

Very Special Guest dj DANIELE BALDELLI!
…il precursore dei dee-jay italiani!!!

@ KORONA Discoteca , POIRINO (TO), Strada Savona, 47

dalle 22:00 in poi
Info: http://www.afroparty.it – 338.7308377 – 388.8422133 – 011.9450429

Very Special Guest DANIELE BALDELLI (Cosmic / Baia degli Angeli)
+
Dj Sergio Flash (Big Nepentha) + Dj Nello & Danilo (Hypnos)

Un party “disco remember” per celebrare quattro grandi discoteche dei tempi che furono e i loro djs, che hanno lasciato un segno indelebile nella storia dei club in Italia. Il più celebre è Daniele Baldelli il cui nome è legato alla mitica Baia degli Angeli e Cosmic. Con lui in consolle ci sarà Sergio Flash, storico dj del Big Nepentha di Torino, discoteca che godeva di una consolle “mobile” (carro-ponte), unica in Europa. Lì, Sergio Flash con i suoi set Afro – Funky ha educato più di una generazione di torinesi. Organizzatori e djs in questo remember saranno Nello & Danilo, djs al mitico Hypnos di Torino e fin dagli anni Ottanta ad oggi coloro che tengono viva la fiamma degli appassionati di Afro, Cosmic, Disco, Funk, Soul nel Nord Italia.

Daniele Baldelli, storico dj di locali ormai entrati nell’immaginario collettivo come la Baia degli Angeli e il Cosmic, è colui che ha traghettato una generazione intera dal concetto di balera a quello di discoteca in senso moderno. Baldelli ha portato all’affermazione del ruolo del dj e della sua selezione come principali artefici del successo di una serata e facendosi portavoce di un nuovo sound elettronico tra la disco music e l’afro, il famoso cosmic sound.

DANIELE BALDELLI , il precursore dei dee-jay italiani. Ha iniziato quando ancora non c’erano ne’ mixer ne’ cuffia! Fondamentali quei suoni per moltissimi top djs che adesso ricordano come veri e propri maestri coloro i quali furono i primi, ovvero: Daniele Baldelli e Claudio Rispoli aka Mozart.

Prima degli anni settanta non esisteva la discoteca. Nelle “sale da ballo” regnava la musica dal vivo. Successivamente, si iniziarono a ballare i dischi, in alternativa o come pausa musicale delle orchestre. Ecco esordire i primi dee-jay. Dovevano mettere i dischi, semplicemente uno dopo l’altro.

Daniele Baldelli inizia la sua carriera nel 1969 (come “metti dischi” non era stata ancora coniata la parola Disc-Jockey, almeno in Italia) al Tabu’ club di Cattolica , sulla riviera adriatica . I dischi erano tutti 45 giri di rock, funk & soul. Il mestiere del DJ era ancora tutto da inventare, Daniele Baldelli era solo: con la sua fantasia, la sua voglia di musica, la sua ricerca tecnica, la passione e l’istinto, ha sperimentato tutti gli stili musicali senza avere moduli o modelli di riferimento.

Nel 1970 la musica che Daniele suonava, si poteva forse dividere in due grandi tipi: la musica Bianca, di provenienza europea, e la musica Nera di provenienza americana. Si parla sempre di 45 giri e si mescolavano dei dischi europei, che erano quasi sempre canzonette allegre e commerciali, con dischi americani soul, rhythm & blues e funky di artisti quali: Arthur Conley, Joe Tex, Wilson Pickett, James Brown, Rufus Thomas, Lyn Collins, ecc. Naturalmente reperire questo materiale non era sempre facile. Daniele frequentemente andava a Lugano e a Parigi dove riusciva a reperire i dischi d’importazione. Un altro particolare delle serate in discoteca negli anni 70 era che la musica veloce che si ballava come “shake” veniva alternata da lenti. La proporzione era di 5 shake e 5 lenti, poi, col passare degli anni, trenta minuti di shake e 3 lenti.

Nel 1977-78 approda alla Baia degli Angeli (insieme ad un altro dj, Claudio Rispoli, in arte Mozart). Era il periodo della disco-music e del philadelphia sound. Viene quindi notato e ingaggiato per essere il dj resident del COSMIC che viene inaugurato nellíaprile 1979. Ed e’ qui che nasce quel fenomeno incredibile che veniva chiamato “AFRO” e poi piu’ recentemente “COSMIC SOUND”. L'”africanismo” Daniele Baldelli, lo esprimeva quando suonava il Bolero di Ravel sovrapponendolo ad un brano degli Africa Djole’, oppure un pezzo sperimentale di Steve Reich sul quale mixava un “canto Malinke” della Nuova Guinea, mixando i T-Connection con Moebious e Rodelius, scoprendo nell’album Izitso l’unico brano ipnotico-tribale di Cat Steven, estraendo l’Africa nei Depeche Mode suonandoli a 33 giri o viceversa facendo diventare musica una voce reggae suonata a 45 giri, mixando una ventina di brani africani su uno stesso pattern di batteria elettronica o suonando insieme una batucada con Kraftwerk, usando gli effetti elettronici di un sintetizzatore per sovrapporli a brani di Miram Makeba, Jorge Ben o Fela Kuti o ancora ascoltando le melodie indiane di Hofra Haza o Sheila Chandra con le sonorita’ elettroniche della Sky Record tedesca.

Armato dei suoi piatti Technics SP-15, batteria elettronica Korg, sintetizzatore Yamaha, i primi rudimentali campionatori e l’inseparabile equalizzatore Teac, Daniele Baldelli inizia una sperimentazione totale mescolando insieme funky, reggae, jazz, fusion, brasil, dub, etno, tribale. Il tutto abbondantemente accompagnato da musica elettronica e da una predilezione maniacale per il “mixaggio”: tutto questo lo ha reso sicuramente un indiscusso caposcuola!!!

Risorse web:
http://www.danielebaldelli.com
http://www.myspace.com/djdanielebaldelli

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*