È uscito l’inno dei Mondiali 2014 firmato Pitbull, JLo e Claudia Leitte

Manca poco ai Mondiali di calcio 2014, un evento su cui anche la musica investe molto. Nel 2010 è toccato a Shakira occuparsi dell’inno dei primi mondiali africani, mentre per l’edizione brasiliana ci hanno pensato Pitbull, Jennifer Lopez e Claudia Leitte. La canzone interpretata da questo trioinedito s’intitola “We are one (Ole Ola)” e prevede due versioni: quella classica, che è possibile ascoltare su Youtube o scaricare da iTunes, ed una versione remixata. La Fifa ha inoltre presentato la tracklist completa dell’album legato all’evento. Non mancano personaggi di primo piano del panorama musicale mondiale che per l’occasione hanno prestato la propria voce per rappresentare l’anima latinomericana del pop globale. Tra i più conosciuti ci sono proprio Shakira, che, insieme a Carlinhos Brown canta “La La La (Brasil 2014), Ricky Martin, Santana ed Alexandre Pires.

Anche la Nazionale italiana ha il suo inno che l’accompagnerà in questa straordinaria avventura: si tratta di “Un amore così grande”, splendido pezzo di Claudio Villa riarrangiato per l’occasione ed interpretato dal gruppo salentino Negramaro. C’è poi chi al brano ufficiale ha deciso di contrapporre il proprio inno anti-mondiali, come riportato da scommessemondiali 2014, sito dedicato interamente alle notizie ed al gossip sulla competizione iridata: si tratta del cantautore milanese Francesco Tricarico che, a distanza di pochi giorni dalla presentazione della canzone dei Negramaro, ha deciso di lanciare il suo nuovo singolo “E’ di moda”, brano in cui si fa beffe, piuttosto pesantemente, del mondo dei calciatori. Un messaggio apparso a molti superficiale, frutto di una bieca operazione di marketing riuscita soltanto a metà, come dimostra il fatto che la canzone è praticamente sparita dalla circolazione pochi giorni dopo la sua uscita. Mossa non proprio vincente quella del buon Tricarico, andatosi a mettere contro lo sport nazionale per antonomasia.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*